Seguici anche su

27 luglio 2017

Un saluto ai lettori

Dal prossimo numero il direttore responsabile lascia il nostro giornale. Qui il suo messaggio, il comunicato dell'editore e una nota della redazione

Enrico Pedemonte

Un anno fa, quando l’editore mi affidò la direzione di pagina99, mi chiese di “fare un giornale interessante”. Fu l’unica indicazione che mi diede e, nel corso di questi mesi, ho cercato ogni settimana di rispettare quella consegna con l’aiuto della redazione, un piccolo gruppo di straordinari giornalisti. Ringrazio l’editore per la fiducia che mi ha accordato e per la totale libertà che mi ha garantito; l’a.d. Paolo Madron per il sostegno che mi ha sempre dato; i colleghi e i collaboratori per l’impegno e l’intelligenza che mi hanno regalato; e i lettori che ci hanno seguito fin qui.


 

DALLA REDAZIONE 

La redazione ringrazia Enrico Pedemonte per il lavoro svolto in questi mesi, per la cura con cui ha diretto pagina99 nello sforzo di fornire ai lettori contenuti originali e di qualità, settimana dopo settimana. Realizzare un periodico di carta oggi è impresa entusiasmante e difficile che la redazione, guidata dal direttore, ha provato a svolgere al meglio, con il sostegno di un gruppo di collaboratori di grandissimo valore. Si apre ora una nuova fase: come redazione non possiamo che augurarci che il patrimonio di esperienza accumulato in questi mesi e anni continui a essere valorizzato e promosso.


 

COMUNICATO DELL’EDITORE 

Dal prossimo numero Enrico Pedemonte lascia la direzione di pagina99. Il nostro ringraziamento per il lavoro da lui svolto in questo anno non è certo di circostanza. Enrico ha accettato di prendere la guida del giornale in un momento difficile, e con tenacia e competenza ne ha difeso la qualità e i valori che unanimemente gli vengono riconosciuti. Certo, non possiamo ancora dire che la battaglia sia vinta, che l’affermazione di uno spazio giornalistico di rigore e approfondimento abbia imboccato una via di non ritorno. Ma è grazie a Enrico Pedemonte se pagina99 è stata messa nelle condizioni di poterla ancora vincere.

L’editoria cartacea non è un pranzo di gala, la crisi è risaputa e purtroppo reiterata nel tempo come testimonia la drammaticità dei suoi numeri, tanto che il declino sembra irreversibile. Forse ci siamo sbagliati sui canali distributivi, forse dobbiamo cercarne di alternativi (ed è ciò che stiamo facendo) per riaffermare spazio ed esistenza di un giornalismo che non vuole abdicare alla sua ragion d’essere di informare, criticare senza pregiudizi, raccontare di un mondo che cambia più in fretta di quanto esso stesso sia stato forse capace di prevedere e adeguarvisi.

pagina99 è una scommessa che non vogliamo perdere. Enrico Pedemonte ci ha rafforzato nell’idea che la possiamo vincere. Nei prossimi numeri il giornale verrà firmato pro tempore da Paolo Madron. Come editori siamo al lavoro per mettere in essere nuove iniziative destinate a salvaguardare e consolidare il ruolo di pagina99 come importante riferimento dell’editoria di qualità.

Altri articoli che potrebbero interessarti