Seguici anche su

2 luglio 2017

È guerra tra Walmart e Amazon

Il colosso dell'e-commerce contro il re dei supermercati americani. Negli Stati Uniti il grande scontro per il dominio del retail è cominciato

Federico Gennari Santori

Negli Stati Uniti il mercato del cosiddetto retail, ovvero la vendita al dettaglio, ha due grandi protagonisti. Da una parte il notissimo Amazon, leader occidentale dell’e-commerce; dall’altra il re dei supermercati americani, Walmart. Mondi lontani che, però, negli anni non hanno fatto che avvicinarsi. L’impero fondato da Jeff Bezos si sta estendendo anche offline, con l’apertura di veri e propri negozi e l’avvio di servizi di logistica. Walmart, invece, sta cercando di potenziare il suo apparato digitale.

Le due strade sembravano snodarsi parallelamente, ma proprio di recente qualcosa ha fatto sì che si incrociassero. Provocando quello che sembra essere solo il primo di una lunga serie di scontri. Amazon ha investito 13,7 miliardi di dollari per l’acquisto di Whole Foods Market, entrando in un settore di cui per anni Walmart era stata leader indiscussa: quello alimentare. La risposta non si è fatta attendere: secondo il Wall Street Journal, il colosso dei supermercati avrebbe intimato ai fornitori di prodotti tecnologici che si appoggiano alla sua distribuzione di abbandonare i servizi in cloud messi a disposizione da Amazon favorendo i concorrenti.

L’azienda di Bezos, oltre a gestire il secondo portale di e-commerce al mondo – dopo il cinese Alibaba – ha lanciato Amazon Web Services (Aws), la principale infrastruttura di cloud computing esistente, superiore perfino a quelle messe a disposizione da Microsoft e Google. In particolare, giganti come Netflix e Airbnb fanno uso delle applicazioni di Aws per i servizi on demand.

Ad aver indotto Walmart a una presa di posizione del genere – continua il Wall Street Journal – sarebbe stata la volontà di non far arrivare ad Amazon, suo principale concorrente, informazioni preziose su prodotti e vendite di aziende partner, che potrebbero dunque svelare dettagli importanti sulla strategia della catena di supermarket. La tecnologia cloud, del resto, permette alle aziende che non hanno le risorse necessarie o sistemi di calcolo abbastanza potenti per sviluppare proprie applicazioni di appoggiarsi a quelle sviluppate da una società esterna. La quale, però, ne elabora i loro dati per poi conservarli sui propri server.

Negli Stati Uniti, insomma, la grande guerra per il retail è cominciata. Difficile dire chi vincerà o anche soltanto se ci sarà un vincitore effettivo. Certo è che ci saranno dei perdenti: tutti i supemercati, i portali di e-commerce minori, le altre catene e i centri commerciali che non potranno reggere la sfida con Amazon e Walmart. Per dare un numero, Credit Suisse ha stimato che oltre 8.600 negozi potrebbero chiudere i battenti già nel 2017.

Altri articoli che potrebbero interessarti