Seguici anche su

12 marzo 2017

Partiti senza candidati in cerca di un salvatore per le elezioni amministrative

Da Parma a Verona, l’Italia che va al voto assiste a una deflagrazione politica. E la post-democrazia dei singoli segna la rivincita degli outsider

Samuele Cafasso - Mattia Denardi

A Parma il candidato del centro sinistra Paolo Scarpa è esterno al Pd, mentre l’ex Cinque stelle Federico Pizzarotti si ripresenta come fuoriuscito. A Genova il Pd è senza candidato dopo la rinuncia di Luca Borzani. Mentre a Palermo il Pd punta ancora una volta su un esterno, Leoluca Orlando. Tutti in corsa fuori dal partito, tutti candidati della post-democrazia dei singoli. L’Italia che va al voto nel 2017 è il prodotto di una deflagrazione politica che mina ogni certezza. E in ogni città i partiti – e anche il M5s – sono all’affannosa ricerca di un salvatore esterno. Senza il romanticismo che guidò con speranza alla vittoria le giunte arancioni del 2011.

L’ultima notizia è che anche a Parma il Pd sarà rappresentato da uno che del Pd non è. E sfiderà uno che era stato eletto sindaco con il M5S, ma che adesso si presenta da ex grillino, da fuoriuscito. Del secondo, la parabola è nota: Federico Pizzarotti ci riprova dopo cinque anni alla guida della città, molti dei quali a combattere da eretico contro Beppe Grillo, con una lista senza partiti chiamata Effetto Parma. A sfidarlo da sinistra sarà Paolo Scarpa, candidato civico, che senza tessera del Pd ha appena vinto le primarie democratiche.

C’erano una volta i partiti e le loro fortezze: nel 2017 l’Italia che va al voto nelle città è invece il prodotto di una deflagrazione, che mina certezze e appartenenze, antiche e nuove. Tre città, scelte qui per rappresentare la costante di questo passaggio storico, mostrano una sconfitta: il ritirarsi dei partiti nell’affannosa ricerca di un salvatore. Ogni area si trova frammentata nella propria città di elezione: il centrosinistra a Genova, il centrodestra a trazione leghista a Verona, il M5S nella desertificazione trasformista dei partiti a Palermo...

► Continua nel nuovo numero di pagina99 in edicola dall’11 marzo e in edizione digitale

[Foto in apertura di Simone Donati / TerraProject / Contrasto]

Altri articoli che potrebbero interessarti