Seguici anche su

9 marzo 2017

Vuoi invecchiare bene? Scegli i marciapiedi

Quartieri con scarsa sicurezza, mancanza di mezzi di trasporto pubblico, biblioteche e parchi... Fattori che espongono a condizioni di salute peggiori

► Dal nuovo numero di pagina99 in edicola dal 4 marzo e in edizione digitale

Esiste una correlazione più forte di quanto si possa pensare tra la qualità del quartiere in cui si vive e le nostre condizioni di salute. Lo sostengono i ricercatori del Population Reference Bureau del distretto di Washington, che di recente hanno pubblicato un report sul tema. La correlazione, secondo gli autori dell’indagine, si vede in modo particolare nella classe di età dei Baby Boomers, la generazione degli ultra 50enni (76 milioni di persone negli Stati Uniti), i quali risultano più esposti alle condizioni del quartiere anche perché più di frequente hanno smesso di lavorare e quindi soffrono di più della mancanza di connessioni sociali.

Cinque i parametri presi in considerazione nell’analisi: la percorribilità, cioè l’esistenza di marciapiedi e attraversamenti; l’offerta di mezzi di trasporto pubblico; il mix tra abitazioni residenziali e la presenza di uffici e altri servizi utili alla comunità, come parchi e biblioteche pubbliche; la sicurezza percepita; la concentrazione di polveri sottili nell’aria.

Emerge che non solo esiste un legame tra il livello generale di ricchezza e alcuni disturbi – se è più basso il primo, sono più diffusi i secondi, come avevano già dimostrato nel 2011 i tre studiosi Freedman, Grafova e Rogowski, secondo cui ipertensione, problemi di cuore, ictus, diabete, artrite e persino il cancro sarebbero più diffusi nei quartieri svantaggiati – ma che, come ha spiegato al portale Citylab dell’Atlantic Mark Mather, uno degli autori dello studio, chi vive in questi quartieri per decadi, soprattutto se in là con gli anni, in generale invecchia peggio.

Mather spiega che «non esiste un definito nesso di causalità» tra uno di questi fattori e il “cattivo invecchiamento”, ma che tra questi elementi mixati assieme e lo stato di salute degli abitanti di un quartiere esiste un’associazione, una correlazione. Esempio: «Andando avanti con gli anni, specie se si smette di lavorare, camminare ogni giorno diventa importante. Perciò avere dei marciapiedi in buone condizioni ed essere al sicuro da aggressioni diventa un fattore chiave per incoraggiare gli abitanti a fare un minimo di movimento», spiega ancora il ricercatore. Che aggiunge: «Le amministrazioni cittadine dovrebbero quindi stare attente a queste infrastrutture e favorire eventi che diano possibilità di relazioni sociali e di attività fisica».

[Foto in apertura Contrasto]

Altri articoli che potrebbero interessarti