Seguici anche su

29 novembre 2016

Lobbying, Google e gli altri alla guerra con la Ue

Budget in crescita, incontri riservati, assunzioni eccellenti. Alle prese con l’offensiva della Vestager, i big del web intensificano il pressing su Bruxelles

Gaia Giorgio Fedi

Il prossimo fronte della battaglia tra la Commissione europea e i colossi dell’economia digitale si giocherà sugli algoritmi. Bruxelles si appresta ad avviare un’indagine sui procedimenti che presiedono al modo in cui vengono mostrati post, notizie e risultati delle ricerche che potrebbe  impensierire parecchio Google, Amazon e Facebook. Ma non si tratta del solo grattacapo per i gruppi del settore, alle prese con un approccio più muscolare da parte della Ue in tema di regolamentazione, antitrust e tassazione. Con il termometro della tensione a Bruxelles in salita, le big del digitale hanno reagito rafforzando le attività di lobby, come mostrano i dati sui budget e staff in crescita per le attività di pressione, indicati volontariamente sul Registro di trasparenza Ue.

«Il rafforzamento delle attività di lobby delle società digital a Bruxelles è in atto da qualche anno e si spiega con l’esistenza di alcuni fattori, in primis l’ambizioso programma della Commissione sull’economia digitale, che per i gruppi del settore ha un impatto enorme», spiega Alessia Mosca, europarlamentare del Pd e membro della commissione sul commercio internazionale. La Ue punta a regolamentare diversi aspetti, dalla privacy al copyright, di un comparto che finora ha vissuto e prosperato in – e grazie a – un contesto di relativa anarchia. Tra il 2012 e il 2013, quando a Bruxelles si preparava la riforma sulla protezione dei dati personali, i gruppi tecnologici hanno intensificato le attività di lobby in un affondo senza precedenti, affiancate e sostenute da associazioni di categoria, organizzazioni come l’American Chamber of Commerce e dalla stessa amministrazione Obama.

Più di recente, altri dossier caldi hanno suggerito una maggiore presenza nella capitale Ue, «come la trattativa sul Ttip e le possibili ricadute sul business di queste società, che le ha spinte a monitorare il rafforzamento della relazione transatlantica, e il maggiore impegno della Commissione sul fronte della tassazione, che è il grosso nervo scoperto per molti dei grandi gruppi del digital», aggiunge Mosca. La decisione dell’Antitrust Ue di imporre a Apple il pagamento di 13 miliardi di imposte pregresse in Irlanda è un monito pesante per le multinazionali del settore. Soprattutto per Amazon, sotto esame per il trattamento fiscale in Lussemburgo.

L’articolo continua nel nuovo numero di pagina99, in edicola e digitale

[Foto in apertura di Luca Zanier / Anzenberger / Contrasto]

Altri articoli che potrebbero interessarti