Seguici anche su

8 luglio 2016

Orecchie da festival, le tappe italiane dell’estate

Dall’I-Days di Monza all’Ypsigrock di Castelbuono in Sicilia, piccola guida ragionata per girare il Paese, tra vibrazioni dance e schitarrate elettriche. Un anticipazione dell’approfondimento sul festival di Vasto su pagina99 in edicola e digitale
DANIELE BOVA

 

State pianificando con i vostri amici un’italica vacanza a tappe, seguendo i festival disseminati lungo la penisola: ma tra chi preferisce il mare, chi la montagna, chi la musica elettronica, chi l’indie rock, non riuscite a compattare il vostro gruppo. Niente paura, pagina99 vi viene in soccorso con questa guida ragionata: tra Nord, Centro e Sud Italia; vibrazioni dance e chitarre elettriche; suggestivi castelli medioevali, spettacolari località di mare e tradizionali location da grande concerto. Tutto quello che vi serve è un itinerario da seguire e un abbondante periodo di ferie.

La nostra road map prevede come tappa iniziale l’I-Days di Monza, cominciato ieri con la performance di Paul Kalkbrenner, il dj che meglio di chiunque altro ha saputo raccontare Berlino e il suo status di capitale europea della musica elettronica. Oltre a lui in programma fino al 10 luglio tanto rock targato Uk: dai veterani Suede ai Bloc Party, passando per i gallesi Stereophonics e Biffy Clyro. Da segnalare anche la partecipazione dei sognanti islandesi Sigur Rós.

L’11 Luglio, spostandovi 460 km più a sud, arriverete a Perugia, dove da anni si tiene l’Umbria Jazz, tra i più importanti festival europei per gli amanti del genere. Da sempre aperto a contaminazioni con altri linguaggi musicali, il palinsesto di questa edizione prevede, tra gli altri, il concerto pop di Mika (ma se volete vederlo dovrete muovervi un giorno prima, il 10 luglio), l’esibizione del dio del funk George Clinton (15 luglio) e il mostro sacro Chick Corea, pianista che ha fatto la storia del jazz (17 luglio).

Forse non tutti sanno che esiste un volo diretto da Perugia a Bari, che impiega 1 ora e 25 minuti ad arrivare a destinazione: che cosa c’entra? Bene, la vostra tappa successiva sarà il Locus Festival, a Locorotondo, comune situato nella Valle d’Itria in provincia del capoluogo pugliese. I concerti si terranno dal 15 luglio al 27 agosto e, insieme alla musica di artisti come Kamasi Washington o Floating Points, potrete scoprire la tradizione enogastronomica del territorio grazie a iniziative tese a valorizzare cultura e tradizioni locali.

Terminata la parentesi pugliese, è ora di un coast to coast dall’Adriatico al Tirreno, dritti verso il castello normanno-svevo di Vibo Valentia, per il Frac: una tre giorni di arte contemporanea dal 29 al 31 luglio, tra musica live, dj set, visual e performing art. Il che vuol dire tanta bella musica e la possibilità di visitare mostre e guardare installazioni. Tra gli artisti coinvolti, l’italiana L I M, i londinesi post industrial Factory Floor e il misterioso dj Slow Magic, che si esibirà su una spiaggia della Costa Viola, incantevole lembo di Calabria incastonato tra mare e montagne.

A questo punto sarete pronti per imbarcarvi verso la Sicilia. Il 5 agosto, a Castelbuono in provincia di Palermo, comincia la magica tre giorni dell’Ypsigrock, consacrato miglior festival italiano agli On Stage Music Awards 2015. Gli organizzatori della manifestazione sono riusciti in un piccolo miracolo: trasformare il fascinoso comune siculo in uno spazio franco in cui gli abitanti del luogo, i musicisti, gli spettatori, i concerti, il mare (a poco più di dieci chilometri) e la cucina siciliana si armonizzano in un’esperienza che lascia indelebilmente il segno. Quest’anno il cast promette scintille, con alcune band storiche come i Mudhoney e i Giant Sand, le nuove leve londinesi The Vaccines e i Daughter della cantautrice Elena Tonra.

È ora di cominciare a risalire; il nostro itinerario non ha dimenticato la Sardegna, da raggiungere l’8 agosto: fino al 16 infatti, a Berchidda, in provincia di Sassari, si terrà il festival internazionale Time in jazz. Arrivata alla sua ventinovesima edizione, sempre sotto la direzione di Paolo Fresu, la rassegna ha quest’anno come tema conduttore quello degli “Occhi”. Previste le esibizioni di alcuni importanti artisti non vedenti come l’americano Justin Kauflin, pianista jazz nonché produttore discografico, o la nostra Silvia Zaru, cantante, compositrice e pianista che spazia dalla musica classica alla leggera.

Ed è già il 17 Agosto. Il nostro viaggio termina qui, ma se avete ancora voglia di viaggiare inseguendo le note vi aspetta il Todays Festival di Torino, dal 26 al 28 Agosto con i Soulwax, gli M83 e i redivivi Jesus and Mary Chain (nonché il regista John Carpenter in veste di musicista); e poi l’Home Festival di Treviso, che nella line-up presenta, tra gli altri, i Prodigy, gli Eagles of Death Metal, Vinicio Capossela, Max Gazzè e 2Manydjs. Ma stiamo parlando di settembre (dall’1 al 4), e come dice il vecchio adagio popolare: «L’estate sta finendo e un anno se ne va».

[Foto in evidenza di I-Days]

Altri articoli che potrebbero interessarti